it
IMG_0915 (800x600)

SENTIVAMO DEI PASSI IN GIARDINO….

 

Fin dal titolo della conversazione di Adriana Luzzatti Bassani, che ha avuto luogo nella nostra sede il pomeggio del 7 maggio, veniva percepita la tensione e l’insicurezza  in cui viveva lei stessa con  la sua famiglia  durante le persecuzioni e i pericoli corsi nel periodo 1943/45. Partendo da un diario che Adriana iniziò a scrivere da ragazzina nel 1944, profuga in Svizzera, è scaturito  un libro in cui si intrecciano i suoi ricordi d’infanzia,di giovinezza, si descrivono le conseguenze delle leggi razziali che avevano costretto tutti loro a incredibili peregrinazioni per le campagne intorno ad Asti e a Cuneo, fino ad approdare in Svizzera. Molta commozione hanno provato i presenti quando Adriana ha rievocato l’aiuto ricevuto da alcuni contadini, persone semplici e buone, col senso della giustizia e della lealtà. La famiglia Luzzatti, a guerra finita, ha segnalato alle autorità italiane il valore di queste persone, facendole rientrare nei “Giusti fra le Nazioni” . Un interessante documentario ha affiancato la conversazione di Adriana. Abbiamo potuto così visualizzare la cerimonia della consegna della nomina di “Giusti” a queste persone. Un altro pomeriggio interessante organizzato da Anny Sacerdoti, continuando il filone delle “Storie di famiglia”. E un  “brava!” ad Adriana.