it
Locandina Adeissima 2013

ADEISSIMA CREPAPELLE

 

Il 14 ottobre
ci sarà l’evento annuale, con i comici di Zelig

Metti insieme tre amici – un sognatore con la testa fra le nuvole, un creativo pragmatico con i piedi per terra e un genovese un po’ nostalgico – dai loro un palcoscenico, e avrai la comicità intelligente e divertente dei Boiler, il trio rivelazione delle ultime edizioni di Zelig. Saranno loro, Gianni, Federico e Davide, insieme ad altri importanti nomi del cabaret più famoso d’Italia – Maurizio Lastrico, I Senso d’Oppio, Giancarlo Kalabrugovich, e altre sorprese – i protagonisti dell’Adeissima, che si terrà il 14 ottobre . Un evento tutto all’insegna della risata, ingrediente fondamentale nell’era contemporanea per affrontare le difficoltà quotidiane della vita. «Ridere è importantissimo per riuscire ad andare avanti con leggerezza – spiega Davide dei Boiler, il “farmacista pentito” del trio -. Ma non si ride sempre per tutto: nel mio caso, l’indole genovese fa sì che spesso esca anche un po’ di nostalgia e introspezione. Sono convinto che la comicità, oltre che per divertire, sia importante anche per attirare l’attenzione su argomenti di cui si parla poco, una lente di ingrandimento sugli aspetti un po’ più critici, che spesso non si vuole vedere». Una concezione, questa, molto ebraica della comicità, il wiz, che da sempre cerca di sdrammatizzare il quotidiano, senza tralasciare però una punta più o meno velata di nostalgia e un occhio ai temi importanti. L’Associazione Donne Ebree d’Italia punta quindi anche quest’anno su un intrattenimento di alto livello per la propria serata benefica: dopo avere ospitato l’anno scorso il Cirque du Soleil, con la conduzione artistica di Bustric (l’attore Sergio Bini), la scelta quest’anno è caduta sulla comicità italiana per eccellenza, quella di Zelig, il noto cabaret milanese che da anni ormai è anche una seguitissima trasmissione televisiva trasmessa dalle reti Mediaset. Sul palco del Teatro Manzoni si alterneranno personaggi e humour diversi: dagli sketch ironici dei Boiler alla nostalgia di Maurizio Lastrico, dalla macchietta del ragazzo della periferia milanese interpretato da Giancarlo Kalabrugovich, all’originale interpretazione mimata di brani musicali dei Senso d’Oppio. E non sono esclusi altri  nomi “con il botto”, per il momento ancora top secret.  Ma cosa significa fare comicità per un pubblico di donne ebree? «Un fatto è certo: le donne hanno da sempre un sense of humour decisamente più spiccato degli uomini, riescono a ridere di sfumature che invece loro non colgono. Per questo le serate che mi fanno più paura sono quelle di soli uomini».

 

 

 

 

( Pubblicato sul Bollettino della Comunità ebraica di Milano)